INFORMATIVA EX ART. 13 D.LGS. 196/2003 e s.i.m. Centro Regionale Coordinamento e Compensazione (C.R.C.C.) del Piemonte

Struttura Regionale di Coordinamento per le attività trasfusionali

Introduzione

La Regione Piemonte con il Piano Sangue e Plasma, ex D.G.R. n. 5 – 5900 del 21 maggio 2007 ha delineato la struttura della Rete Trasfusionale Regionale, che prevede:

  1. un nodo centrale: Centro Regionale di Coordinamento e Compensazione (CRCC) (detto anche “Centro Regionale Sangue” o “Struttura Regionale di Coordinamento”),
  2. nodi intermedi: Centri di Produzione e Validazione Emocomponenti, (CPVE)
  3. nodi periferici: Servizi di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale (SIMT) e Unità di Raccolta associative (UdR)

Le strutture o nodi della Rete Trasfusionale Regionale hanno una suddivisione di compiti e funzioni tra loro complementari, di cui è pertanto prevista la necessaria integrazione funzionale.

Le informazioni trattate nella rete trasfusionale Regionale sono relative a

  • dati anagrafici e clinici del donatore di emocomponenti (di seguito indicato come donatore), e del paziente trasfuso o candidato a trasfusione (di seguito indicato come paziente),
  • dati relativi alle unità di emocomponenti donate, lavorate, validate e trasfuse.

Data l’elevata mobilità delle unità di emocomponenti, dei donatori e dei pazienti e la suddivisione delle funzioni nei nodi periferici, occorre un interscambio di informazioni relative ai dati anagrafici e sanitari di donatori, e pazienti trasfusi e delle unità di emocomponenti ai fini della tracciabilità e della sicurezza trasfusionale. I dati anagrafici e clinici di interesse trasfusionale sono trasferiti da ciascun nodo di rete periferico e intermedio alla base dati del Centro Regionale Sangue, la cui gestione è affidata al CSI, che dà garanzia per la conservazione dell’insieme delle informazioni per il periodo temporale previsto dalla normativa europea e nazionale. Il Centro Regionale Sangue fornisce ai SIMT in consultazione le informazioni relative alla storia trasfusionale e donazionale provenienti da tutto il territorio regionale e che si rendono necessarie per la gestione della terapia trasfusionale nel singolo paziente nello specifico presidio di cura. Il Centro Regionale Sangue estrae i dati di sintesi che devono essere trasmessi, in applicazione del D.M. 2007, al Centro Nazionale Sangue e al Ministero della Salute.

Il Sistema Informativo della Rete Trasfusionale e le sue finalità

Uno dei principali compiti che la Rete Trasfusionale deve assolvere è di “tenere traccia dell’intero percorso trasfusionale dalla donazione alla trasfusione”, secondo quanto previsto dalla normativa nazionale ed europea, garantendo il costante aggiornamento dei dati del processo trasfusionale e salvaguardando nel contempo l’assoluto anonimato tra donatore e paziente. La tracciabilità cd “vena-vena”, è finalizzata a contribuire 1) alla sicurezza trasfusionale, in particolare immunologica e infettivologica nei confronti di ciascun individuo sottoposto a trasfusione e nei confronti dell’intera collettività in considerazione delle implicazioni epidemiologiche del processo di donazione e di trasfusione; 2) alla sicurezza del donatore che volontariamente si presenta in una Struttura Trasfusionale ospedaliera o associativa per la donazione; 3) al monitoraggio dell’appropriatezza di ogni atto trasfusionale. Il Sistema Informativo consente di avere in tempo reale la situazione clinica dei donatori, la storia delle loro donazioni, la storia trasfusionale dei pazienti costantemente aggiornata. Il sistema permette pertanto il coordinamento intraregionale e interregionale delle attività trasfusionali per i temi inerenti la rintracciabilità del sangue e degli emocomponenti nonché la notifica degli effetti indesiderati ed incidenti gravi (di cui al D.Lgs. 9 novembre 2007) e per i temi inerenti il sistema di qualità dei servizi trasfusionali (di cui al D.Lgs. 9 novembre 2007 n. 208). Questo strumento intende inoltre rispondere tempestivamente ad ogni esigenza di informazione relativa alle donazioni o alle trasfusioni, in qualsiasi sede ospedaliera essi si trovino, nell’ambito della Rete Trasfusionale piemontese.

Questo Sistema è definito, dalla Rete stessa, come “l’indispensabile architettura informatica di collegamento della Rete Trasfusionale grazie alla quale tutti i suoi nodi possono dialogare alimentando costantemente un interscambio di informazioni e di dati, tra i centri trasfusionali della rete piemontese, mediante flussi informativi coerenti e unitari”. All’interno del Sistema Informativo, i dati Suoi sanitari saranno organizzati in formato elettronico in una base dati protetta e accessibile solo al personale autorizzato.

Perché fornire il consenso

La possibilità di utilizzare i dati sanitari ai fini della sicurezza trasfusionale delle singole persone (donatori e pazienti) e indirettamente di tutta la collettività attraverso il Sistema Informativo della Rete Trasfusionale è condizionata dall’acquisizione del consenso, da parte Sua, ai sensi dell’ art. 76 del Codice Privacy. Tale consenso autorizza il personale dei servizi della Rete Trasfusionale appositamente incaricato a trattare (consultare e valutare) per finalità di cura e di sicurezza trasfusionale, i relativi dati sanitari resi disponibili attraverso la rete informatica trasfusionale Dal momento in cui i dati di interesse entrano nel sistema della Rete Trasfusionale, sono costantemente aggiornati ad ogni evento trasfusionale o di donazione di sangue o emocomponenti attraverso la cooperazione applicativa tra i sistemi informativi delle Strutture Trasfusionali Ospedaliere e la Rete stessa. In questo modo le Strutture Trasfusionali delle ASR alimentano automaticamente la Rete Trasfusionale con gli eventi o accessi che La potrebbero riguardare e di interesse per la Rete stessa (esempio il numero e la tipologia di donazioni oppure il numero e la tipologia di emocomponenti trasfusi) Nel caso di pazienti minorenni, incapaci o interdetti candidati a trasfusione il consenso viene prestato dal genitore o dall’esercente la patria potestà.

Cosa succede se non si fornisce il consenso

Il consenso da parte Sua è facoltativo, ma la sua mancata prestazione impedisce l’utilizzo dei Suoi dati sanitari per finalità di cura e di sicurezza trasfusionale e di conseguenza non verranno raccolti i dati relativi ai Suoi episodi di donazione o ai Suoi episodi trasfusionali che non saranno quindi disponibili in rete per il personale sanitario che si occupa delle cure o del controllo della salute dei donatori o dei pazienti.

A chi rivolgersi

Titolare del trattamento dei dati, ex art. 28 del D.Lgs. 30 giugno 2003 n. 196, è il Centro Regionale di Coordinamento e Compensazione (C.R.C.C) (rif. DGR n. 2-2278 del 4 luglio 2011), incardinato presso l’Azienda Sanitaria Locale ASL TO4 e precisamente in Piazza della Credenza, 2, 10015, Ivrea (Torino), nella persona del suo legale rappresentante

I Responsabili “interni” sono identificati nei responsabili dei Centri Trasfusionali (cioè dei SIMT - Servizi di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale)

Incaricati al trattamento dei dati, nominati per ciascun SIMT e per ciascuna UdR dal rispettivo Responsabile, sono le seguenti figure professionali:

  1. Medico “trasfusionista” - segue il percorso clinico dei donatori di sangue o emocomponenti (di seguito indicato come donatore) e pazienti trasfusi o candidati a trasfusione (di seguito indicato come paziente), visualizza e gestisce gli eventi del donatore e del paziente di interesse per la Rete Trasfusionale; raccoglie il consenso del donatore e del paziente
  2. Infermiere - dà supporto al Medico “trasfusionista”, visualizza e gestisce gli eventi del donatore e del paziente di interesse per la Rete Trasfusionale; raccoglie il consenso del donatore e del paziente
  3. Biologo “trasfusionista”: visualizza e gestisce gli eventi del donatore e del paziente di interesse per la Rete Trasfusionale
  4. Tecnico di laboratorio sanitario del Centro Trasfusionale: dà supporto al Medico “trasfusionista” e al Biologo “trasfusionista”, visualizza e gestisce gli esami e gli emocomponenti in riferimento al donatore e al paziente di interesse per la Rete Trasfusionale
  5. Amministrativo: visualizza e gestisce gli eventi del donatore e del paziente di interesse per la Rete Trasfusionale

Responsabile esterno del Trattamento Dati – designato dal Titolare – è il CSI Piemonte (C.so Unione Sovietica 216, 10134 Torino), in qualità di Ente strumentale per l’informatica della Pubblica Amministrazione Piemontese. Nel rispetto della normativa sulla privacy, i dati potranno essere trattati da Incaricati – debitamente autorizzati - per svolgere specifici servizi elaborativi ed operazioni necessarie all’effettuazione dei servizi della Rete, nei limiti strettamente pertinenti alle finalità del Sistema Informativo in oggetto.

Ciascun donatore o paziente potrà, in ogni momento, esercitare i propri diritti, elencati all’art. 7 del D.Lgs. 196/2003 e s.i.m. tra cui quelli di ottenere la conferma dell’esistenza o meno dei suoi dati personali sanitari e la loro comunicazione in forma intellegibile; di avere conoscenza della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento; di ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, nonché l’aggiornamento, la rettifica o, se vi è interesse, l’integrazione dei dati; di opporsi al trattamento stesso per motivi legittimi.

Tali diritti potranno essere esercitati, secondo le seguenti modalità (indicate dall'art. 9 del Codice):

  1. La richiesta, rivolta al Titolare o al Responsabile, può essere inoltrata anche mediante lettera raccomandata, telefax o posta elettronica. Il Garante può individuare altro idoneo sistema in riferimento a nuove soluzioni tecnologiche. Quando riguarda l'esercizio dei diritti di cui l'art. 7, comma 1 e 2, la richiesta può essere formulata anche oralmente e in tal caso è annotata sinteticamente a cura dell'incaricato o del responsabile;
  2. Nell'esercizio dei diritti di cui all'art. 7 l'interessato può conferire, per iscritto, delega o procura a persone fisiche, enti, associazioni od organismi. L'interessato può, altresì, farsi assistere da una persona di fiducia; I diritti di cui all'art. 7 riferiti a dati personali concernenti persone decedute possono essere esercitati da chi ha un interesse proprio, o agisce a tutela dell'interessato o per ragioni familiari meritevoli di protezione;
  3. L'identità dell'interessato è verificata sulla base di idonei elementi di valutazione, anche mediante atti o documenti disponibili o esibizione o allegazione di copia di un documento di riconoscimento. La persona che agisce per conto dell'interessato esibisce o allega copia della procura, ovvero della delega sottoscritta in presenza di un incaricato o sottoscritto e presentata unitamente a copia fotostatica non autenticata di un documento di riconoscimento dell'interessato. Se l'interessato è una persona giuridica, un ente o un'associazione, la richiesta è avanzata dalla persona fisica legittimata in base ai rispettivi statuti od ordinamenti interni;
  4. La richiesta di cui all'art 7, comma 1 e 2, è formulata liberamente e senza costrizioni e può essere rinnovata, salva l'esistenza di giustificati motivi, con intervallo non minore di novanta giorni

Il conferimento dei dati, in particolare sanitari, è indispensabile se ciascun donatore o paziente accetta di partecipare all'applicazione del Sistema Informativo.

Il rilascio di copia dell’informativa di cui sopra costituisce condizione di validità per la prestazione del consenso.

1. “Struttura Regionale di Coordinamento per le attività trasfusionali (SRC)” ai sensi dell’Accordo Stato Regioni del 13/10/201 e DGR 28-4184 del 23/07/2012

 

INFORMATIVA SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI (ai sensi dell'articolo 13 del D.Lgs. 196/2003 - Codice in materia di protezione dei dati personali) AZIENDA OSPEDALIERA Città della Salute e della Scienza di Torino

Presidi Ospedalieri: Molinette, Dermatologico S. Lazzaro, S. Giovanni Antica Sede, Centro Traumatologico Ortopedico, Maria Adelaide, Infantile Regina Margherita, S. Anna

Gentile Signora, Egregio Signore, per lo svolgimento delle attività istituzionali di competenza ed in relazione alla natura delle prestazioni richieste, l'Azienda Ospedaliera 'Città della salute e della scienza di Torino', con sede legale in Corso Bramante 88/90, raccoglie e tratta dati personali, anche sensibili, tra cui quelli idonei a rivelare lo stato di salute e la vita sessuale, nonché dati genetici. Intende pertanto informarLa sulle finalità e modalità di tale trattamento e sui diritti che Le sono riconosciuti dal D.Lgs. n. 196/2003 e s.m.i. - “Codice in materia di protezione dei dati personali” (d’ora in poi Codice)

FINALITA' DEL TRATTAMENTO

I Suoi dati personali, anche di natura sensibile, vengono raccolti e trattati dall'Azienda al fine di fornirLe le prestazioni sanitarie di cui necessita sia in regime di ricovero che ambulatoriale. Per realizzare tali finalità occorre che Lei presti specifico consenso che può essere manifestato con un'unica dichiarazione, anche oralmente: in tal caso il consenso è documentato con annotazione nel sistema informatico aziendale. La mancata manifestazione del consenso impedisce l'erogazione della prestazione da Lei richiesta. Per finalità correlate ai compiti del Servizio Sanitario Nazionale di rilevante interesse pubblico ai sensi dell'art. 85 del Codice, l'Azienda, inoltre, può trattare i Suoi dati sensibili in base al “Regolamento per il trattamento dei dati personali sensibili e giudiziari di competenza della Regione, delle Aziende Sanitarie, degli Enti e Agenzie regionali, degli Enti vigilati dalla Regione” adottato dalla Regione Piemonte con D.P.G.R. 11/05/2006 n. 3/R e ss.mm.ii. reperibile sul sito internet aziendale. Ai fini di ricerca medica, biomedica ed epidemiologica – salvo che nei casi previsti dall'art. 110 del Codice – il trattamento dei dati sarà effettuato, previa idonea informativa ed espressione da parte sua di uno specifico consenso. Si precisa inoltre che per finalità di ricerca scientifico-statistica l'Azienda, in relazione alle procedure esistenti, tratta i Suoi dati previa anonimizzazione ed in forma aggregata.

MODALITA'

I dati da Lei conferiti a questa Azienda ospedaliera sono trattati, esclusivamente per le finalità indicate in questa informativa e qualora sia strettamente necessario per lo svolgimento delle attività istituzionali. I dati potranno essere raccolti, registrati e conservati, sia su supporto cartaceo che con l'ausilio di sistemi elettronici, informatici ed automatizzati secondo modalità e tecniche organizzative idonee a garantirne la sicurezza. Tutte le operazioni in materia, effettuate solo da personale debitamente istruito ed autorizzato, avverranno nel rispetto del segreto professionale, del segreto d'ufficio e dei principi di correttezza, liceità e trasparenza, secondo quanto disposto dalle normative vigenti. La informiamo inoltre che all'interno e all'esterno dell'Azienda è attivo un sistema di videosorveglianza con lo scopo di garantire la tutela del patrimonio aziendale nonché la sicurezza. Le immagini registrate sono trattate nel rispetto delle prescrizioni previste dal Codice e del Provvedimento del Garante del 08/04/2010 e s.m.i..

COMUNICAZIONE A SOGGETTI TERZI

I dati da Lei forniti, indispensabili per l’erogazione della prestazione sanitaria richiesta e per le attività amministrative alla medesima correlate, potranno essere comunicati a soggetti terzi tra cui, a titolo esemplificativo, la Regione Piemonte, l'A.S.L. di appartenenza, il Ministero della Salute e altri enti del Servizio Sanitario Nazionale per l’assolvimento dei compiti istituzionali in conformità alle disposizioni di legge o di regolamento in materia. Eventuale comunicazione di dati indirizzata ad altri soggetti, sia pubblici che privati, se non prevista in ottemperanza ad obblighi normativi, può essere effettuata solo previa specifica informativa anche orale ed acquisizione di distinto e autonomo consenso. Non viene effettuata alcuna diffusione di dati idonei a rivelare il Suo stato di salute, ai sensi dell'art. 22, comma 8 del Codice.

FUNZIONI E RESPONSABILITA’

L'Azienda Ospedaliera ‘Città della salute e della scienza di Torino’, nella persona fisica del proprio legale rappresentante, è Titolare del trattamento dei dati da Lei forniti. Il Titolare designa, con apposito atto, i Responsabili del trattamento dei dati individuati tra i Direttori delle Strutture Organizzative interne, nonché tra i soggetti esterni che svolgono attività di competenza dell’Azienda o strettamente correlate ai fini istituzionali perseguiti dalla stessa e che comportano l’utilizzo di dati personali e/o sensibili. I soggetti di cui sopra sono tenuti a osservare le istruzioni impartite dal Titolare, ai sensi dell'art. 29 del Codice. L'elenco aggiornato dei Responsabili può essere consultato presso gli Uffici Relazioni col Pubblico dell’Azienda, siti presso i Presidi Molinette, S. Anna/Regina Margherita e C.T.O., nonché sul sito internet aziendale. Le operazioni di trattamento dei dati sono effettuate da Incaricati nominati dal Titolare e/o dai rispettivi Responsabili e istruiti sulle modalità e limiti imposti dalle disposizioni vigenti in materia.

DIRITTI DELL'INTERESSATO

In relazione al trattamento dei dati personali che La riguardano, l’art. 7 del Codice, Le riconosce i seguenti diritti:

1. il diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che La riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.

2. il diritto di ottenere l'indicazione:

  1. dell'origine dei dati personali;
  2. delle finalità e modalità del trattamento;
  3. della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
  4. degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato (art. 5, c. 2);
  5. dei soggetti o delle categorie di soggetto ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

3. il diritto di ottenere:

  1. l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;
  2. la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
  3. l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.

4. il diritto di opporsi, in tutto o in parte:

  1. per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorché pertinenti allo scopo della raccolta;
  2. al trattamento di dati personali che La riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.

MODALITA’ DI ESERCIZIO DEI DIRITTI

La richiesta per l’esercizio dei diritti di cui sopra, deve essere presentata secondo le modalità previste dall’art. 9 del Codice ed indirizzata al Titolare o al Responsabile del trattamento. A tal fine è stata predisposta idonea modulistica, disponibile presso gli Uffici Relazioni col Pubblico dell'Azienda, siti presso i Presidi Molinette, S. Anna/Regina Margherita e C.T.O., nonché sul sito internet aziendale.